Speciale Comunali 2014 Annone Veneto Cinto Caomaggiore Concordia Sagittaria Fossalta di Portogruaro Gruaro Teglio Veneto

Articoli in archivio


29/12/2016 - Comune e Territorio

PORTOGRUARO: VOTO BILANCIO CON LA MAGGIORANZA A RISCHIO ?

Siamo 9 a 8 con solo un Consigliere di differenza, e le critiche sono tante...

29 Dicembre 2016

 


 

SI VOTA IL BILANCIO:

MAGGIORANZA A RISCHIO ?

Siamo 9 a 8,  un solo voto di differenza !

CAMPANILE e Tempio Crematorio

con le Opere Triennali contestate...

Nel 2016 non eseguito il 75% dei Lavori programmati (*)

Volevo inizialmente, prima del Consiglio comunale di oggi giovedì 29 dicembre, pubblicare due articoli separati e particolareggiati sul Campanile/ Torre Civica campanaria e sul Tempio Crematorio, ma poi ho pensato che era il caso di aspettare lo svolgimento di questa Adunanza consiliare, perché ci potrebbero essere anche delle sorprese, in quanto si voterà il tanto atteso e criticato Bilancio, e ci si è arrivati sulla scia di discordanze e vedute politiche importanti, oltre alle due che vi ho inizialmente citato, c’è una visione d’insieme  che boccia  l’operato della Giunta Senatore da parte dell’intera Minoranza…

Questa volta sembrerebbe (se è coerente) che anche Claudio Fagotto del Movimento 5 Stelle voti NO al Bilancio, visto che non è d’accordo nemmeno sulla Rotondina di San Giovanni,  e già su questi tre Progetti se ne vanno quantità enormi di denaro, senza tener conto di come sono stati spesi(o sprecati) soldi in altre cose molto discutibili, una su tutte, le Spese Legali evitabilissime per il “caso” Via Camucina, e stando così le cose abbiamo al voto 9 Consiglieri per la Maggioranza (Zanutto, Furlanis, Barbisan, Zanco, Matera, Moro, Barro, il presidente Mascarin e la sindaco Senatore), contro 8 della Minoranza (Terenzi, Zanin, Pizzolitto, Drigo. Gradini, Manzato, Scarpa e Fagotto), dunque un solo Consigliere /voto di differenza, che rende il tutto più precario, e se dovesse mancare qualcuno, la Maggioranza potrebbe andare sotto, e potrebbe anche saltare se il Bilancio poi non venisse approvato nel secondo tentativo…

Cavolo, come si fa presto a crearsi una situazione da “tutti a casa”, con 9 a 8 la Maggioranza non si trova in una botte di ferro, come vuole far credere, e superato il Bilancio (forse), non possono certo dire di poter dormire sonni tranquilli, e personalmente, alla luce delle ultime situazioni emerse, non ci piangerei certo sopra, visto che Mascarin, anche a nome dell’Amministrazione comunale mi ha accusato di avere detto il falso sui Monitoraggi del Campanile, e per questo motivo, mi hanno negato il permesso di registrare in Consiglio comunale, riservandosi di valutare pure una Denuncia nei miei confronti ! (ma ne riparleremo - clicca qui)

Principalmente per questi due motivi, Campanile e Tempio Crematorio, che verranno trattati in Consiglio Comunale assieme al Piano Triennale (clicca qui) delle Opere Pubbliche, che ho deciso di aspettare (il botto?), così dopo capirete meglio i Documenti che pubblicherò a testimonianza delle mie argomentazioni che saranno puntuali e precise !

 

SUL TEMPIO CREMATORIO, le "assurdità"…

Gastone Mascarin, nel Consiglio Comunale del 29.11.2016, legge una Nota del Dirigente tecnico sulla Mozione presentata dal Centrosinistra che vede Marco Terenzi come capogruppo:.

“La Mozione presentata dal Gruppo “Centro Sinistra - Più Avanti Insieme” sul Piano Triennale delle Opere Pubbliche 2017-2019, relativa alla scheda numero 26 (Realizzazione e gestione Tempio Crematorio), chiede di stralciare la scheda dal Piano Triennale delle Opere Pubbliche, sostenendone la non necessità chiedendo alla Giunta Comunale  di provvedere ai necessari studi ed approfondimenti con gli Enti competenti.

Queste due posizioni si pongono in logica contrapposizione l’una rispetto all’altra, infatti non è possibile procedere alla verifica di una proposta progettuale se non è inserita e prevista nella programmazione finanziaria e delle opere pubbliche comunali.

Probabilmente sfugge ai proponenti della Mozione che il Codice dei Contratti (D. lgs 50/2016)stabilisce che le Opere Pubbliche, per essere realizzate, devono preventivamente essere inserite nel Piano Triennale, riportate nell’Elenco Annuale a cui si riferiscono e individuato il tipo di finanziamento, oltreché indicato il livello di priorità per la loro   realizzazione.

E’ evidente quindi che l’Amministrazione comunale per dare attuazione ai Programmi e quindi provvedere a anche alla verifica preventiva sulla fattibilità tecnico-economica  di una opera , è obbligata a inserirla nel Piano triennale.”

Quanto dice Mascarin e il “suo” Dirigente, di cui mi piacerebbe tanto sapere il nome, va a cozzare di brutto con quello che realmente dice il nuovo Decreto legislativo n.50  del 18.04.2016, ossia che “Per i lavori di importo pari o superiore a 1.000.000 euro a fini dell'inserimento nell'elenco annuale, le Amministrazioni aggiudicatrici approvano preventivamente il Progetto di Fattibilita' tecnica ed economica."

Dunque l’esatto contrario di quello che più volte e stato detto in Consiglio comunale del 29.11.2016 con toni altisonanti dalla Maggioranza, specialmente dalla Zanutto e dal Sindaco Senatore, quest’ultima chiamando in causa il Segretario comunale Maria Teresa Miori e la Dirigente Rossit, che non avrebbero dato l’autorizzazione per finanziare lo Studio di Fattibilità del Tempio Crematorio (1 milione e 800mila euro) se non era prima inserito nelle Opere triennali.

Forse non so leggere io, ma sembra che l’Articolo che segue parli chiaro:    

 

Art. 21

(Programma delle acquisizioni delle stazioni appaltanti)

1. Le amministrazioni aggiudicatrici adottano il programma biennale degli acquisti di beni e servizi e il programma triennale dei lavori pubblici, nonche' i relativi aggiornamenti annuali. I programmi sono approvati nel rispetto dei documenti programmatori e in coerenza con il bilancio.

2. Le opere pubbliche incompiute sono inserite nella programmazione triennale di cui al comma 1, ai fini del loro completamento ovvero per l'individuazione di soluzioni alternative quali il riutilizzo, anche ridimensionato, la cessione a titolo di corrispettivo per la realizzazione di altra opera pubblica, la vendita o la demolizione.

3. Il programma triennale dei lavori pubblici e i relativi aggiornamenti annuali contengono i lavori il cui valore stimato sia pari o superiore a 100.000 euro e indicano, previa attribuzione del codice unico di progetto di cui all'articolo 11, della legge 16 gennaio 2003, n. 3, i lavori da avviare nella prima annualita', per i quali deve essere riportata l'indicazione dei mezzi finanziari stanziati sullo stato di previsione o sul proprio bilancio, ovvero disponibili in base a contributi o risorse dello Stato, delle regioni a statuto ordinario o di altri enti pubblici. Per i lavori di importo pari o superiore a 1.000.000 euro, ai fini dell'inserimento nell'elenco annuale, le amministrazioni aggiudicatrici approvano preventivamente il progetto di fattibilita' tecnica ed economica.

4. Nell'ambito del programma di cui al comma 3, le amministrazioni aggiudicatrici individuano anche i lavori complessi e gli interventi suscettibili di essere realizzati attraverso contratti di concessione o di partenariato pubblico privato.

 

Quanto sopra è un estratto dal  Decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50 Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (G.U. n. 91 del 19 aprile 2016 - aggiornato all’avviso di rettifica pubblicato nella G.U. n. 164 del 15 luglio 2016)

 

SUL CAMPANILE  un estratto della Mozione del Gruppo “Centronisistra”: 

 

Tutto ciò premesso il CONSIGLIO COMUNALE DI PORTOGRUARO

impegna l’AMMINISTRAZIONE:

 

-           a ricondurre la vicenda della Torre Civica Campanaria sul riconoscimento del reciproco interesse, sia della comunità civile che di quella religiosa, verso un manufatto che da sempre risulta essere di interesse ed uso pubblici, viste le funzioni svolte nel tempo ed il riconoscimento del valore monumentale, oltrechè storicamente simbolo della Città di Portogruaro; 

-           a ritirare definitivamente le ordinanze n. 61 e 62 dd. 29.8.2016 che sanciscono ed attestano unilateralmente la proprietà della Torre Campanaria in capo alla Parrocchia ed alla Curia e con le quali l’Amministrazione, a seguito di ingiunzione trasmessa alla Parrocchia con nota dd.10/03/2016, ha intimato alla Curia l'ordine di attivare, entro i 15 giorni successivi, le indagini soniche - tomografiche sulle murature della Torre e l'attività di monitoraggio della situazione statica, ordinanze i cui effetti sono stati solamente sospesi dalla ordinanza 69 dd. 21/09/2016;  

-           ai fini della ricostituzione della necessaria collaborazione fra Amministrazione da una parte e Curia e Parrocchia dall’altra e per restituire certezza ed efficacia ai processi finalizzati agli interventi necessitati da programmare e realizzare, a riprendere e a portare a compimento il percorso attivato dalle precedenti Amministrazioni e tecnicamente e giuridicamente esitato nella succitata CONVENZIONE relativa ai LAVORI DI CONSOLIDAMENTO E RESTAURO della Torre Campanaria attigua al Duomo di S. Andrea di Portogruaro (n.8.7.11 rep.n.9191) e controfirmata dal Comune di Portogruaro (nella persona dell’attuale Segretario Generale) e dalla Parrocchia di Sant’Andrea Apostolo (nella persona del Parroco pro_tempore) a seguito dell’autorizzazione della Curia Vescovile, convenzione – che peraltro – risulta essere tuttora vigente;

-           a precisare gli impegni comuni da assumere dall’Amministrazione da una parte e dalla Curia e Parrocchia dall’altra, inerenti alle spese di ordinaria e straordinaria amministrazione finalizzate al consolidamento della Torre Civica Campanaria;  

-          ad istituire ed attivare un tavolo di confronto allargato, con la Curia, la Sovrintendenza, i Capigruppo consiliari ed i Parlamentari locali per ricercare soluzioni concrete e chiare, per superare le incertezze ed aleatorietà e per ricercare e sollecitare i finanziamenti pubblici necessari alla salvaguardia di un bene così importante.

 

(Terenzi, Zanin, Pizzolitto e Drigo)

 

Bene, credo di avervi anticipato abbastanza per suscitare il vostro interesse a seguire gli sviluppi di queste vicende politico-amministrative locali, che non sono poca cosa, visto che influenzeranno lo sviluppo del nostro territori sia per l’immediato che i prossimi anni, tante sono le cose che si andranno a valutare nel prossimo Consiglio e 17 sono i punti all’Ordine del Giorno (clicca qui), si inizia alle ore 18,00 con possibilità di seguire la diretta in webcam,  e si finisce non si sa quando…

Come la Maggioranza?

 

G.B.

 

 


 

 

ARTICOLI IN ARCHIVIO...

03/12/2016 - Comune e Territorio (aggiornato)

"MISTERO" MIORI IN CONSIGLIO: FA SEGRETARIO A PORTOBUFFOLE' ?

Gruppo Misto incalza con la Manzato, presidente Mascarin in forte difficoltà..

CONSIGLIO COMUNALE DI PORTOGRUARO DEL 29.11.2016

Consiglio Comunale di Portogruaro del 29.11.2016

Gastone Mascarin, presidente del Consiglio, ha fissato i seguenti punti all'Ordine del giorno:

1. Comunicazioni.
2. Approvazione della convenzione tra il Dipartimento dei Vigili del Fuoco e il Servizio Intercomunale di Protezione Civile Portogruarese per l’utilizzo di una comune interfaccia informatica di scambio dati in caso di necessità.
3. Rinnovo della convenzione per la gestione associata del servizio di Segreteria Comunale tra i Comuni di Portogruaro e Torre di Mosto.
4. Ratifica deliberazione della Giunta Comunale n. 159 del 25.10.2016 relativa a: “Variazione di Bilancio”.
5. Ratifica deliberazione della Giunta Comunale n. 179 del 16.11.2016 relativa a : "Variazione di bilancio per attività Settore Servizi Sociali".
6. Ratifica deliberazione della Giunta Comunale n. 180 del 111.2016 relativa a : "Variazione di bilancio".
7. Procedura fallimentare n. 47/2014 R.G. Fall e della Sentenza Fallimentare n. 47 del 30.05.2014 Tribunale di Pordenone - della denominata IMD S.r.l. in liquidazione -C.F. 04J09840274– Approvazione schema di transazione - Variazione di bilancio.
8. Modifica programma Opere Pubbliche 2016 - 2018 e Elenco Annuale 2016 - Utilizzo quota avanzo di amministrazione risultante da conto consuntivo 2015 e variazione di bilancio.
9. Richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale straordinario sulla Torre Civica Campanaria del Duomo di S. Andrea Apostolo di Portogruaro (ai sensi dell’art. 26, capo III, “Diritti dei Consiglieri” del Regolamento del Consiglio Comunale).
10. Proposta di Mozione su; Condivisione “Piano di fattibilità Tempio Crematorio”.
11. Proposta di Mozione su: “Stralcio dal Programma Triennale dei Lavori Pubblici dell’opera denominata ‘Tempio Crematorio’ ”.
12. Domande di attualità, Interrogazioni e Interpellanze.



 
CONVOCAZIONE_CONSIGLIO_COMUNALE_PORTOGRUARO_29_12_2016_.pdf

CONVOCAZIONE_CONSIGLIO_COMUNALE_PORTOGRUARO_29_12_2016_.pdf (210 KB)

PRESIDENTE_MASCARIN_NEGA_IL_PERMESSO_PER_REGISTRARE_CC_.pdf

PRESIDENTE_MASCARIN_NEGA_IL_PERMESSO_PER_REGISTRARE_CC_.pdf (40 KB)

TABELLA_CON_PIANO_OPERE_PUBBLICHE_PROGRAMMATE_2016_.pdf

TABELLA_CON_PIANO_OPERE_PUBBLICHE_PROGRAMMATE_2016_.pdf (449 KB)

GRUPPI_CSX_PAI_MISTO_OSSERVAZIONI_PROGRAMMA_TRIENNALE_.pdf

GRUPPI_CSX_PAI_MISTO_OSSERVAZIONI_PROGRAMMA_TRIENNALE_.pdf (68 KB)


successivoprecedente

© 2018 Gianfranco Battiston
Portogruaro

Realizzato da equo.biz